Saint Germain Castle

Montjovet, Italy

Saint Germain castle in Montjovet played an important part in the history of Val d’Aosta. Few traces remain of its original structure and its construction date is not known for certain. At the end of the 13th century, the Savoy became the owners, replacing the Montjovet family. As already happened in Bard, in this case too, the pretext was provided by the abuse of power that Feidino Montjovet acted on villagers and wayfarers. The castle was later sold to the Challant family but returned to the Savoy in 1438, when Amadeus VII installed a garrison there, which remained active until 1661, when it was transferred to the fortress in Bard, leaving Montjovet castle open to decay.

References:

Comments

Your name

Website (optional)



Address

Montjovet, Italy
See all sites in Montjovet

Details

Founded: 11th century
Category: Castles and fortifications in Italy

More Information

www.lovevda.it

Rating

4.2/5 (based on Google user reviews)

User Reviews

Davide Mantelli (18 months ago)
Ottimo castello per foto e video per via della sua posizione aperta e solare ma il castello, visto che è abbandonato, è pericoloso e vietato entrarci
Gabriella Gotti (2 years ago)
Un posto magico e sconvolgente, fuori dal tempo. Si staglia nel cielo in tutta la sua rude bellezza. Forse a farmelo apprezzare di più è stata la solitudine. Il viverlo senza estranei turisti rompiscatole ad incrinare la perfezione del silenzio, del passato. Solo il canto del vento gelido di gennaio e i profumi freddi dell'erba e delle montagne, l'acqua fresca della sorgente ai suoi piedi. Ma tu eri lì. Con me. Parte di me. A condividere il tutto nella sua perfezione. E tu eri e sei parte di quella perfezione. Un'esperienza unica e non avrei mai voluto venire via, ma continuare a cercare un qualcosa di indefinito, il sussurro di ogni pietra e ascoltarne il racconto. Un rudere, dicono. Forse poco più. Ma ogni cosa lì parla. Racconta a chi sa udire e vedere la danza delle energie sottili che legano l'arcano dentro di noi ai resti un lontano passato.
laura sapone (2 years ago)
Bello davvero. La salita al castello é impegnativa ma passa la fatica quando arrivi in cima. comunque sono pochi minuti da dove si Lascia l'auto nel piazzale della chiesa. Arrivati in cima si vede ancora la torre, si può passare sotto le segrete, passeggiate in quello che un tempo era un giardino e se si è un po' esperti si può percorrere la strada francigena e Scendere fino a valle. Il panorama è davvero stupendo si vede tutta la valle centrale da Chambave ad Arnad e paesi vicini. Se si ha la fortuna di andare di notte si possono fare foto alla luna attraverso le fessure del muro di cinta. È maglio andare sempre accompagnati è un castello vecchio La strada è stata rimessa a posto e sonno state rimesse le ringhiere in legno x accompagnare La salita . ma è un castello in rovina e il pericolo di crollo è ovunque. Poi c'è anche una zona dove ci sono" le trappole" buchi dove mettevano le persone e venivano lasciate morire nel tempo del feudalesimo e se si scivola li e si è soli è molto pericoloso. Quindi bisogna fare tanta attenzione. Però ne vale la pena visitarlo.
Giorgio Ricciotti (2 years ago)
Situato a 656 m s.l.m., a picco sulla gola scavata dalla Dora Baltea, su uno sperone roccioso anfibolitico che in epoca romana venne definito Mons Jovis oggi costeggiato dalla Mongiovetta, tratto della Strada statale 26 della Valle d'Aosta scavato nella roccia, il castello di Saint-Germain è tra i castelli della regione più strategici, insieme al forte di Bard e al Châtel-Argent: la sua posizione permetteva facilmente di controllare e difendere il borgo posto ai piedi del mammellone roccioso e la vallata centrale della Valle d'Aosta. Situato a metà strada tra i comuni di Verrès e Saint-Vincent, in collegamento visivo con la Tour Chenal, il castello di Saint-Germain è raggiungibile solo dal lato nord del promontorio di Montjovet. Oggi è in rovina, e un cancello impedisce l'accesso all'area per pericolo di crolli.
Robert Tarrant (3 years ago)
I needed to visit the WOW store because I ran out. It's authentic. It has danger signs everywhere. I loved it. No graffiti because it takes a bit of a hike to reach it but go.
Powered by Google

Featured Historic Landmarks, Sites & Buildings

Historic Site of the week

Medieval Walls of Avila

The city walls of Avila were built in the 11th century to protect the citizens from the Moors. They have been well maintained throughout the centuries and are now a major tourist attraction as well as a UNESCO World Heritage Site. Visitors can walk around about half of the length of the walls.

The layout of the city is an even quadrilateral with a perimeter of 2,516 m. Its walls, which consist in part of stones already used in earlier constructions, have an average thickness of 3 m. Access to the city is afforded by nine gates of different periods; twin 20 m high towers, linked by a semi-circular arch, flank the oldest ones, Puerta de San Vicente and Puerta del Alcázar.